Antonio Fusco Sextet – Suite For Motian

Antonio Fusco: Batteria

Michele Tacchi: Basso elettrico

Valerio Scrignoli: Chitarra elettrica

Rino De Patre: Chitarra classica & effettistica

Marco taraddei: Fagotto-Ewi-Sax Tenore & effettistica

Francesco Chiapperini: Clarinetto basso-Clarinetto-Sax Alto & effettistica

Soun Engeneering: Riccardo Samperi

Suite For Motian è un progetto realizzato dal batterista italiano Antonio Fusco nel gennaio 2011. L’intero progetto, che si sviluppa sul  disco Waltz For Debby (1961), filtra il linguaggio avanguardistico e moderno di Paul Motian (1931-2011)  e il concetto di musica libera del batterista Antonio Fusco.

Ricerca e avanguardia sono le parole chiave per il Leader Fusco, il quale ha concepito il suo lavoro in un’opera per atto unico. Una Suite che sfugge dagli schemi e che si concentra sulla ricercatezza sonora. L’uso dell’elettronica e la ricercatezza nell’effettistica danno una spinta alla Suite dimostrando la raffinata inventiva musicale del batterista Fusco. Momento assolutamente originale della Suite si sviluppa durante l’esecuzione della teoria musicale nota come “cerchi in musica”. Secondo il Leader Fusco, la Suite deve riprodurre un senso di circolarità musicale, dove ogni suono e ogni effetto si fonde perfettamente con un altro. La concentricità delle onde sonore, che tende ad espandersi  fino al limite, riproduce un continuum che spezza ogni barriera musicale e mette in risalto l’originale reinterpretazione dei brani di Bill Evans.

Al progetto prendono parte cinque musicisti con personalità molto eterogenee: Michele Tacchi, Rino De Patre, Valerio Scrignoli, Francesco Chiapperini e Marco Taraddei che esprimono a tutto tondo l’idea musicale  di Antonio Fusco.

Suite For Motian rappresenta la somma delle esperienze musicali e spirituali del giovane batterista Fusco, il quale con questo progetto ha voluto ancora una volta sperimentare il suo genio musicale. Così come un gioco di specchi riesce a riflettere un fascio di luce e a riprodurne infiniti per infinite direzioni, la rivisitazione del disco Waltz For Debby vuole significare un passo in avanti verso il futuro avanguardistico e sperimentale della musica di Antonio Fusco.